Storia di Mikel

Quando sono arrivato in Italia avevo solo 16 anni. Come i miei fratelli, sono dovuto scappare dal mio paese perché la mia vita era in pericolo. E l’Italia rappresentava non solo la speranza di una vita più sicura, ma anche il sogno di mio padre, che fin da piccolo aveva voluto per me un futuro migliore, che in Albania non sarei mai riuscito ad avere.
Appena arrivato sono stato affidato ad un centro di accoglienza e poi alla Fondazione il Faro della signora Agnelli.
Qui non solo ho trovato ospitalità e comprensione per le mie vicende, ma ho trovato anche docenti preparati e pieni di passione e dedizione che mi hanno insegnato l’arte che ora è diventata anche il mio mestiere: l’arte di fare la pizza.
È così che è iniziata la mia avventura, con un corso per pizzaioli tenuto dalla Fondazione il Faro. Quanti avrebbero dato un’opportunità a un ragazzo albanese senza mezzi?
Il Faro per me ha fatto questo e molto altro. Alla fine del corso ho trovato lavoro e dopo un paio d’anni di esperienza in alcune pizzerie ho ricevuto la proposta di diventare io stesso insegnante del Faro. È stata un’emozione incredibile, poter diventare come quelle persone che tanto stimavo e che mi avevano insegnato tutto quello che sapevo!
Ormai sono 7 anni che insegno ai ragazzi del Faro. E ogni volta che entro in classe l’emozione è sempre la stessa! Vedere che adesso sono parte di una famiglia che a me ha già dato tantissimo e sapere che anche io posso fare la differenza nella vita di tanti giovani, che arrivano da noi disorientati, pieni di speranze e paure, mi rende veramente felice e soddisfatto.
Questo però mi fa pensare anche alle centinaia di giovani che invece non sono così fortunati, perché non hanno nessuno che li indirizzi e che insegni loro un mestiere.
Di lavoro da fare ce n’è sempre tanto, sempre più di quello che possiamo affrontare da soli. È per questo che contiamo sull’aiuto di tutti, perché solo lottando insieme possiamo fare veramente la differenza!
Aiutaci anche tu a portare a termine la nostra missione! Il tuo contributo può cambiare realmente la vita di un ragazzo!
Mikel

Parole Chiave: 
CONDIVIDI