Testimonianza di Daniele e Francesco

12-07-2017
Due allievi del corso di pizzeria hanno condiviso il loro pensiero e ci hanno donato questa testimonianza sul loro percorso al Faro.
Autore: 
Daniele Rodi e Francesco Marzolini
Allievi del corso di pizzeria

Finito un percorso c’è sempre un po’  di malinconia nell’aria.

L’unica via d’uscita è ripensare passo per passo alla strada percorsa ed accorgersi di ciò che si è lasciato indietro, e ciò che è stato raccolto lungo il cammino.

Buffo dire che prima di entrare ero carico di diffidenza, quel pregiudizio amaro di cui la vita mi aveva riempito il cuore e che quasi mi gravava sulle spalle.

Non c’è nome più giusto per questa  associazione se non il FARO: perché proprio come un faro questo posto mi ha illuminato il cammino e ha riacceso quella speranza che il mondo di oggi, ed il tempo in cui viviamo, tende a sfumare e rendere vana.

Ciò che mi ha motivato di più è stato trovare come compagni persone di varie nazionalità, con varie storie alle spalle, e con vari caratteri che hanno accompagnato il mio cammino.

Integrarsi è un passo sempre difficile per certe persone, ma  l’aiuto, l’ironia e soprattutto l’umiltà hanno reso questo passo facilissimo creando un armonia collettiva che ha fatto volare questi  37 giorni come un battito di ciglia favorendo la crescita professionale di tutti noi.

Qualcuno disse che per conoscere gli altri bisogna prima conoscere se stessi, ma sono convinto che vale molto di più asserire il contrario, perché è impossibile non riconoscere una parte di sé in qualsiasi persona ci troviamo davanti, che e ciò che sta alla base della compassione,  e allora riconoscersi nel prossimo diventa proprio il primo passo per conoscere noi stessi.

Grazie a tutto ciò ora scorgo un futuro, una speranza, che si fa sempre più limpida e si concretizza sempre più dentro di me.

Ringrazio tutti, in primis il professore Mikel che mi ha mostrato e trasmesso la passione per il suo mestiere, ringrazio tutto lo staff, ma soprattutto ringrazio i miei compagni che standomi accanto mi hanno aiutato a crescere come persona 

Parole chiave: 
CONDIVIDI