SELEZIONI, LA MAGGIORANZA DEGLI ISCRITTI ARRIVA DALL’AFRICA

05-02-2016
Prima sessione didattica del 2016, il 55 per cento degli iscritti alle selezioni per i corsi del Faro è originario del continente africano
Autore: 
Silvia Lanzano

Sono dati relativi, ma molto interessanti. Parliamo della nazionalità dei giovani iscritti alle selezioni per i corsi della sessione invernale del Faro, in partenza il prossimo 15 febbraio.

 Il dato che salta agli occhi in questa tornata è la forte presenza - il 55 per cento del totale - di candidati provenienti dal continente africano che, come ha sottolineato il responsabile didattico della Fondazione Massimo Biagiotti Lena, si conferma sempre più “popolo in cammino”.  

Primo tra tutti il Mali, con 27 iscrizioni, seguito da Gambia (17), Egitto (14) e Senegal (13), poi Nigeria, Guinea, Tunisia, Costa d’Avorio, Somalia, Eritrea, Ghana, Marocco, Angola, Burkina Faso, Guinea-Bissau, Libia, Mauritania: sono questi i paesi di provenienza della “maggioranza africana” che ha scelto di bussare alle porte del Faro in cerca di un futuro da costruire su basi nuove.

Gli italiani sono il 20 per cento del totale, mentre risulta in lieve calo la presenza di giovani provenienti da paesi in passato molto rappresentati in questa piccola comunità internazionale che è il Faro, come l’Afghanistan e il Bangladesh.

Stamattina sono stati diffusi i risultati delle prove preliminari di lingua italiana sostenute lo scorso 2 febbraio dai candidati stranieri: lunedì e martedì prossimo sarà la volta, per tutti gli aspiranti pizzaioli-panificatori e camerieri, dei colloqui di selezione.

 

CONDIVIDI