OGGI E' UN BEL GIORNO PER FESTEGGIARE

13-11-2019
Oggi, 13 novembre 2019, ci sono altri 16 ragazzi pronti per entrare nel mondo del lavoro. Ragazzi che sono davvero il riassunto di tanti anni di progetti condivisi, perché riflettono pienamente tutti i mondi che sono stati accolti al Faro e raccontano tutte le storie a cui abbiamo partecipato nei progetti della Fondazione.
Autore: 
Michela Arioni
Logo della Fondazione Il Faro di Susanna Agnelli

Oggi è un bel giorno per festeggiare.

Oggi ci sono altri 16 ragazzi pronti per entrare nel mondo del lavoro, con tutti gli strumenti necessari per avere successo.

Abbiamo riflettuto con lo staff del Faro su quanto questi ragazzi siano davvero il riassunto di tanti anni di progetti condivisi. Perché riflettono pienamente tutti i mondi che sono stati accolti nelle nostre aule e raccontano tutte le storie a cui abbiamo partecipato nei progetti della Fondazione. Rivelano ancora una volta la bellezza dell’integrazione , che si trasforma in talento e sa sostenere i sogni dei più giovani.

Dal Faro si esce più forti , con un sorriso nuovo e con maggiore chiarezza sui propri obiettivi di vita.

Susanna Agnelli ci ha insegnato a perseguire ogni giorno il suo fondamentale  intento:  sostenere l’altro con l’ascolto e la fiducia.  Quando entrava nei laboratori per salutare i ragazzi era la prima a notare quel velo di tristezza nello sguardo di un futuro pizzaiolo o quello strano disagio che aveva nella voce una aspirante cuoca.

Notava le sfumature dell’anima e ci chiedeva di tenerne conto, per riuscire così ad incoraggiare al meglio i giovani che avrebbero costruito domani il nostro futuro. Li considerava tutti protagonisti di nuove speranze per il nostro paese.

Al Faro abbiamo avuto una occasione unica per esprimere chi siamo veramente.

Per tutti noi dello staff è un tesoro oggi dal valore inestimabile, perché non ci sono stati limiti alle possibilità educative e agli strumenti da utilizzare: abbiamo realizzato negli anni laboratori di sostegno ai ragazzi attraverso il cinema, la scrittura, la musica, la fotografia, il teatro.

Abbiamo parlato di integrazione e di pace usando solo acqua e farina,  preparando ricette di pane da ogni parte del mondo. Abbiamo creato e stampato il Faro News, perché tutti potessero raccontare la loro esperienza. Abbiamo organizzato delle simulazioni di servizio con ospiti che nessuno ha mai sognato di avere in sala: dai bambini di Haiti al fantastico gruppo di signori anziani del quartiere.

Sono venuti a trovare i nostri allievi gli chef italiani con il cuore grande e i panettieri che portano avanti con orgoglio le nostre tradizioni, aprendosi alle contaminazioni che sanno di buono.

 Abbiamo incontrato tanti musicisti nelle feste di fine corsi e le emozioni che sono scaturite dalle loro note hanno lasciato armonia e vibrazioni positive.

Grazie a  chi non ha mai smesso di credere in noi.

Nei nostri cassetti ci sono poesie e canzoni rap scritte per Il Faro dagli allievi, in tutte le lingue e nei dialetti più belli. Musica che sa di riscatto, versi composti con un coraggio rinnovato dall’esperienza appena conclusa in aula. Ci sono frasi, foto, disegni e ricette di vita stampate ormai nella memoria.

Oggi è un bel giorno per festeggiare.

E da domani inizieranno nuovi progetti per ognuno di noi, con lo stesso, immutato obiettivo di sempre: creare opportunità di orientamento , formazione e inserimento sociale per chi ha perso momentaneamente la direzione da seguire. Oltre il Faro.

Michela Arioni a nome di tutto lo staff

Parole chiave: 
CONDIVIDI