UNA GRANDE SPERANZA PER IL MIO FUTURO

08-04-2016
Bilal, per gli amici Bill, racconta la sua esperienza al Faro come allievo pizzaiolo del primo corso per non vedenti della Fondazione, realizzato con il Centro Regionale Sant’Alessio. Così Bilal: “Finché vivrò, sia vedente che non vedente sia ricco che povero, conserverò nel mio cuore il Faro”
Autore: 
Bilal Tayni Seman
Bill e un collega di corso durante una lezione con il docente Mikel Dedndreaj

Sono Bilal Tayni Seman e da parte mia sono soddisfatto. Per me questo corso significa una grande speranza per il mio futuro. Sebbene sia un non vedente, ho potuto fare esperienza come pizzaiolo. Prima non immaginavo di poter fare questo lavoro.

Comunque grazie a Dio e grazie a tutti gli operatori del Faro ho potuto imparare molto e conseguire l'attestato. Il Faro sarà sempre nel mio cuore, non solo nel mio ma credo in quello di tutti noi studenti.

Io finché vivrò, sia vedente che non vedente sia ricco che povero, conserverò nel mio cuore il Faro. Grazie a tutti di cuore e in particolare al professore Mikel, a Roberta, a Domitilla e al dottor Biagiotti per la loro gentilezza.

Mi auguro di trovare sempre persone così gentili come voi del Faro. Tanti auguri.

 

Leggi anche:

Il primo corso di formazione del Faro per aiuto pizzaioli rivolto a persone cieche e ipovedenti: qui

Il Faro e il Centro Regionale Sant’Alessio festeggiano con gli allievi la consegna degli attestati di fine corso: qui

 

Il corso per aiuto pizzaioli del Faro: Bill e un collega di corso durante una lezione con il docente Mikel Dedndreaj (Foto: Roberta La Marra)

CONDIVIDI