“RICEVERE FIDUCIA SIGNIFICA DARLA”… FUTURI PROFESSIONISTI!

11-04-2013
Ieri al Faro la festa per la consegna degli attestati di fine corso. Il saluto del direttore Gianni Del Bufalo agli allievi, pronti per iniziare una nuova avventura: “È cambiato il vostro sguardo, adesso siete in grado di immaginare un futuro diverso”
Autore: 
Antonella Troisi
LA CONSEGNA DEGLI ATTESTATI AL FARO

 

Si è concluso ieri il primo ciclo di corsi svolti al Faro nel 2013, durante il quale ragazzi e ragazze hanno investito una piccola parte della loro vita. L’11 febbraio 2013 hanno iniziato la loro avventura e quel giorno il direttore, Gianni Del Bufalo, disse che dopo il corso molte cose sarebbero cambiate.

A due mesi di distanza e in occasione della consegna degli attestati Gianni spiega cosa è cambiato veramente: “Quel giorno eravate seduti vicino, le spalle erano più contratte e chi vi sedeva accanto era semplicemente un vicino, oggi, invece, quei vicini sono amici – continua – sono tre le cose che sono cambiate: le mani perché ora dentro ci sono cose che due mesi fa non c’erano e sanno fare cose che non sapevano fare; è cambiata la testa perché ci sono cose che prima non sapevate e infine è cambiato lo sguardo con cui vedete gli altri, ma soprattutto lo sguardo quando vi guardate allo specchio la mattina perché vedete una persona che adesso è in grado di immaginare un futuro diverso”.

Queste parole trovano conferma in un video contenente tutte le foto dei ragazzi durante i vari corsi; un video che mostra l’impegno, la speranza e l’amicizia nata tra di loro in questi due mesi. Inoltre, il video è avvalorato da una musica rap di sottofondo creata apposta per l’occasione proprio da uno dei ragazzi, Alessandro (corso operatore forno). Se non è amicizia questa!

Durante la consegna degli attestati molti ragazzi sono intervenuti per raccontare brevemente cosa ha rappresentato per loro l’esperienza al Faro. “Noi siamo giovani navi, ognuno avrà un colore diverso e una bandiera diversa, ma tutti facciamo parte di un viaggio… e questo viaggio si chiama Vita!” (Alessandro Zambrini, corso barista/cameriere). “Credete in quello che fate, credete veramente non mollate mai per nessuna ragione anche se andate a sbattere contro i muri, imparate e cominciate a deviarli i muri” (Alessandro, corso operatore forno).

Subito dopo la consegna degli attestati è stata dedicata al laboratorio interculturale svolto da Diana Agamez e Valentina Troisi, mostrando una breve presentazione delle attività svolte durante i quattro incontri.

Infine, è stato presentato il progetto “Dimmi l’Italia” rivolto soprattutto ai ragazzi stranieri, ma anche italiani, che vivono in Italia e vogliono capire meglio il nostro paese. 

 

 

CONDIVIDI