LA FORMAZIONE DEL FARO PER GLI SPRAR, AL VIA I NUOVI CORSI

09-11-2015
Operatore del settore ristorazione, pizzaiolo-panificatore e aiuto cameriere: sono i tre corsi intensivi del Faro che a partire da oggi, per 40 ore complessive di lezione, insegneranno le competenze e le capacità tecniche di base a 30 giovani richiedenti asilo e rifugiati della rete SPRAR
Autore: 
Silvia Lanzano
LA FORMAZIONE DEL FARO PER GLI SPRAR, AL VIA I NUOVI CORSI

Parte oggi la nuova sessione di corsi di formazione professionale rivolti dal Faro agli utenti della rete SPRAR.Operatore del settore ristorazionepizzaiolo-panificatore e aiuto cameriere: sono queste le tre proposte formative che – in 40 ore di lezione distribuite nell’arco di due settimane – permetteranno ai beneficiari di acquisire le competenze e le capacità tecniche di base da spendere nel mondo del lavoro. La precedente sessione estiva per gli SPRAR, realizzata dalla Fondazione nel mese di giugno, prevedeva un percorso di formazione per addetti alla pasticceria da forno.

L’età media dei partecipanti, in tutto 30 giovani rifugiati e richiedenti asilo, è di 26 anni. Le nazionalità più presenti sono Afghanistan e Mali, seguite da Nigeria, Senegal e Mauritania. Gli altri paesi di provenienza degli allievi sono Burkina Faso, Uganda, Gambia, Mauritania, Somalia, Bangladesh, Libia e Iraq.

Il percorso formativo include anche un modulo di HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points), al termine del quale gli allievi riceveranno la certificazione ufficiale che abilita a lavorare a contatto con cibi e bevande nelle aziende del settore alimentare.

I corsi si svolgono nel pomeriggio per consentire ai beneficiari la massima conciliazione dei tempi, in particolare con riferimento agli adempimenti documentali connessi con il loro status giuridico.

Le lezioni, che si concluderanno venerdì 20 novembre, sono tenute dai docenti esperti dello staff del Faro: Mikel Dedndreaj per il corso di pizzaiolo-panificatore, Francesco Fanuele per la classe dei futuri camerieri e Domitilla Verga, figura di riferimento del corso per operatori del settore ristorazione.

Al termine della formazione gli allievi otterranno un certificato di frequenza: un attestato di qualità – quello del Faro - sempre più apprezzato e ricercato dalle aziende del territorio di Roma.

CONDIVIDI